martedì , 18 dicembre 2018
Breaking News
Home » Commento alla gara » Torino-Inter, la vendetta degli ex: Ljajic regala tre punti a Mazzarri

Torino-Inter, la vendetta degli ex: Ljajic regala tre punti a Mazzarri

IL TABELLINO DELLA GARA TORINO-INTER 1-0 Rete: pt 36′ Ljajic. 
Torino
: Sirigu; Nkoulou, Burdisso, Moretti; De Silvestri, Baselli (34′ st Acquah), Obi (42′ st Valdifiori), Ansaldi; Ljajic, Falque (27′ st Edera), Belotti. A disp. Ichazo, Milinkovic-Savic, Molinaro, Bonifazi, Berenguer, Barreca. All. Mazzarri. 
Inter: Handanovic; Cancelo, Skriniar, Miranda, D’Ambrosio (42′ st Ranocchia); Gagliardini, Brozovic; Candreva (13′ st Radfinha), Borja Valero (23′ st Karamoh), Perisic; Icardi. A disp. Padelli, Berni, Lisandro Lopez, Santon, Eder, Dalbert, Pinamonti. All. Spalletti. 
Arbitro
: Tagliavento di Terni.
Note: ammoniti Belotti, Baselli (T), Miranda, Brozovic, Gagliardini

LA PARTITA:

Avvio di gara che si gioca su ritmi altissimi soprattutto per merito del Torino che applica fin dalle prime battute dell’incontro un pressing davvero feroce. Le prime occasioni si registrano dopo 10 minuti con Perisic che avrebbe l’occasione di calciare verso la porta approfittando di un errore in uscita di Sirigu ma il croato sceglie un pallonetto troppo morbido che l’ex portiere del Paris Saint-Germain riesce a disinnescare. Nei minuti successivi è ancora il portiere granata il grande protagonista della partita in quanto compie una grandissima parata su Mauro Icardi al 12º minuto, con l’attaccante argentino che colpisce di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo ma trova una risposta miracolosa del numero 39 del Torino. Al quarto d’ora di gioco, ancora una volta sugli sviluppi di calcio d’angolo, è Perisic a colpire verso la porta ma la conclusione del croato sfiora solo la traversa anche grazie ad un altro intervento decisivo del solito Sirigu. Intorno alla mezz’ora altre due belle occasioni per i nerazzurri che sugli sviluppi di corner vanno al tiro prima con Antonio Candreva che trova la parata di Sirigu e poi con un cross di Cancelo che Miranda può girare verso la porta ma colpisce il palo. L’arbitro Tagliavento aveva comunque fermato al gioco per offside di Icardi anche se le immagini lasciano dubbi su questa scelta. Al 35º minuto il Torino parte in contropiede rapidissimo spinto da Belotti e rifinito De Sivestri che mette un pallone basso sul secondo palo e Ljajic può concludere da distanza ravvicinata e portare in vantaggio i granata. L’Inter continua a spingere con una pronta reazione di nervi e sfiora il gol al 40º su una combinazione Cancelo-Icardi ma l’argentino non riesce a trovare l’impatto perfetto con la sfera a distanza abbastanza ravvicinata dalla porta e dunque l’occasione sfuma. I nerazzurri chiudono dunque immeritatamente in svantaggio un primo tempo complessivamente dominato dagli uomini di Luciano Spalletti.

Avvio incoraggiante da parte dell’Inter che nei primi minuti della ripresa torna a giocare su ottimi ritmi; poco oltre il 10º minuto di gioco il Torino ha due grandissime occasioni da rete: la prima sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Ljajic e girato verso la porta con una grande coordinazione da parte di De Silvestri che Handanovic sventa con un grandissimo intervento. La seconda occasione arriva poco più di 60 secondi più tardi sugli sviluppi di un contropiede spinto da Daniele Baselli e concluso da Ljajic a pochi centimetri dal palo. Dopo queste due occasioni l’Inter torna ad avere una netta supremazia territoriale rendendosi più volte pericolosa dalle parti di Sirigu. Mister Spalletti fa ampio ricorso alla panchina inserendo Rafinha e Karamoh e aumentando ulteriormente la pressione offensiva su un Torino che passa gran parte della gara rannicchiato all’interno dei suoi 16 metri. Tocca poi a Rafinha colpire per la terza volta il legno quando sugli sviluppi di calcio d’angolo il centrocampista brasiliano colpisce dai 20 m con una traiettoria chirurgica su cui però Sirigu viene graziato ancora una volta. La vivacità di Rafinha e Karamoh crea diversi presupposti per azioni pericolose e non si contano le occasioni in cui i nerazzurri vanno vicinissimi al pareggio. Ma incredibilmente il risultato non cambia e per i nerazzurri arriva uno stop pesante quanto immeritato nella corsa verso la qualificazione in Champions League. Il tecnico dei granata Walter Mazzarri si prende una gustosissima rivincita sui nerazzurri nel primo confronto da ex, ottenendo il massimo risultato nonostante una partita giocata malissimo dalla sua compagine.

Check Also

Fair Play Finanziario: i conti dei nerazzurri all’esame della Uefa

Saranno settimane molto importanti quelle che vivrà la società nel prossimo futuro. Comincia oggi davanti …

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.